Banco Metalli o Compro Oro? Occhio alla differenza!

Vendere oggetti di valore grazie alla quotazione del bancometalliGli italiani e la crisi economica

Da alcuni anni con la crisi economica che incombe sul nostro Paese, sono in aumento le persone che pur di arrivare alla fine del mese, vendono i propri preziosi all’interno di attività che in cambio offrono del denaro.Quest’ultimi sono il Banco Metalli e Compro Oro i quali, sopratutto in questi ultimi tempi, hanno aumentato le proprie filiali grazie all’aumento smisurato delle persone sempre in cerca di un metodo per avere un po’ di soldi in tasca.

Differenze tra Banco Metalli e Compro oro

Ma quali sono, se ci sono, le differenze tra un Banco Metalli e Compro Oro?

Semplice, il Banco Metalli è un’attività che si occupa dell’acquisto e della vendita di metalli preziosi come oro, platino, argento e palladio, destinati alle fonderie che non solo fondono i metalli ma li affinano trasformandoli in lingotti, medaglie o monete.

Diversamente, il Compro Oro, acquista i preziosi usati dai clienti per poi rivenderli ad un prezzo maggiorato presso i grossisti che, in seguito, verrà fuso.

Un’attività in continua ascesa grazie alle innumerevoli richieste da parte di comuni cittadini che rinunciano ai propri oggetti d’oro pur di avere dei soldi per fare la spesa o per far fronte a scadenze di pagamenti imminenti.

Autorizzazioni.

Il Banco Metalli è l’unico in possesso dell’autorizzazione della Banca d’italia in quanto, con l’oro e i metalli acquistati dai clienti, possono essere prodotti lingotti d’oro purissimo utilizzati come fonte d’investimento.
Anche i Compro Oro possiedono le autorizzazioni per acquistare metalli preziosi e il cliente, secondo la legge, può decidere di riacquistare i propri beni entro i primi 10 giorni dalla cessione di essi.

Sicurezza del cittadino.

Ovviamente è doveroso rivolgersi ad esercizi autorizzati poiché la possibilità d’incorrere in persone poco affidabili è molto alta e uno dei campanelli d’allarme potrebbe essere la quotazione dell’oro che risulterebbe molto più alta rispetto ad altri esercizi: tutto questo, per attirare più clienti ed aver un quantitativo di merce superiore.

Alla clientela viene specificatamente richiesto un documento d’identità e viene fatto firmare un modulo che attesta la cessione dei preziosi con il relativo peso e il prezzo della merce.
Tale documentazione servirà altresì alle forze dell’ordine in caso, la merce stessa, risulti rubata o smarrita in seguito ad una denuncia da parte dei legittimi proprietari.

Il commerciante constatato e appurato che i preziosi sono in regola grazie alle opportune verifiche antiriciclaggio, possono decidere di rivendere i monili a dei privati o cederli a dei grossisti.

Rinunciare ai propri beni.

Vendere i propri beni, se questi non si utilizzano o solo perché strettamente necessario, diventa una pratica semplice e affidabile con una procedura che permette di essere pagati in tempo reale, senza perdite di tempo, approfittando della quotazione più alta che viene offerta giornalmente. E’ quindi una soluzione ottimale affidarsi ai Banco Metalli per investire in metalli preziosi.