Corsi professionali per cuochi

Fare il cuoco non è un semplice mestiere!

Corsi professionali per cuochi

Mamma, voglio fare il cuoco

 

I fornelli e i ristoranti sono diventati da qualche anno il luogo della celebrità e della fama: innumerevoli cooking show in televisione, dal più famoso Masterchef, a Hell’s Kitchen alla fortunata edizione italiana di Cucine da Incubo con lo chef stellato Cannavacciuolo (professionista serissimo ma soprattutto capace di bucare lo schermo grazie ad un rigoroso physique du rôle e una frizzante meridionalità) fino alla nazional popolare Prova del Cuoco della Clerici, hanno permesso il ribaltamento di un comune pregiudizio che vedeva nella professione del cuoco (ma attenzione, qualcuno ci suggerirebbe sia più giusto parlare di “chef”) in una posizione inferiore socialmente rispetto ai ben più “seri” lavori di avvocato, medico, architetto.

Il cuoco che la televisione ci racconta è un professionista da 10.000 euro all’anno che lavora nei più prestigiosi locali del globo ed entra in sala per salutare i clienti ed accogliere le loro lusinghe come una rockstar degli anni Sessanta.

La Coldiretti ha analizzato i numeri forniti dal Ministero dell’Istruzione che, nell’anno scolastico 2014/2015, ha resitrato un importante aumento delle iscrizioni di quasi 50000 ragazzi presso gli istituti professionali enogastronomici ed alberghieri. L’alberghiero sembra esser diventato la spina nel fianco del Liceo Classico.

 

Una pesante toque blanche sulla testa

 

Attenzione però! Il lavoro in cucina Oggi è gratificante, chic e sempre più vicino agli ambiti degli artisti ma… chi ha detto che è facile?

Il cuoco è un lavoro creativo, poetico e antico che nasce con l’opera dei capicuoco presso le corti dei sovrani europei de XVIII sec e, proprio come nelle carriere artistiche, è fatto di una lunga gavetta, orari estenuanti, vacanze mancate e tanta disciplina.

Un buon cuoco deve conoscere profondamente gli ingredienti, le culture e avere una grande capacità di relazione con lo staff di cucina e di sala. Solo in pochi riescono a raggiungere il livello di Cracco e compagni con stipendi da capogiro, libri da bestselling e folle di fan in fila per un piatto unico e speciale.

corso per cuochi di stampo professionale

Fortunatamente questo lavoro ha una forte valenza meritocratica: non esiste raccomandazione, sesso, razza o orientamento sessuale che tengano se in cucina non dai il meglio di te!

Un lavoro difficilissimo, stressante ma dove non si finisce mai di imparare e creare dove la sfida è riuscire a regalare attimi di bontà e bellezza e avere rispetto della materia prima.

Nell’era dei talent è importante che i ragazzi che decidono di intraprendere questa strada sappiano che è in salita e richiede grandissimo spirito del sacrificio e tanta passione come spesso gli chef stellati riferiscono nelle numerose interviste che rilasciano. Dunque è preferibile studiare, seguire le migliori scuole e affrontare una lunga e impegnativa gavetta (che se non uccide, fortifica!).

 

Mille modi di essere cuoco

 

Il mercato del lavoro è in tutti i settori in continua evoluzione. Dunque anche le cucine conoscono una straordinaria fase di cambiamento: sempre più numerosi sono gli chef a domicilio per feste private o cene galanti in casa propria. Tutto quel che serve, oltre ad un’attenta preparazione e l’adeguata strumentazione è il superamento del corso per cuochi professionale di tre mesi sulle norme igieniche e sanitarie e una Partita Iva accompagnata dall’iscrizione alla Camera di Commercio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *