Videolottery di ultima generazione, scopriamo come funzionano

In alcuni casi se ne sente parlare con l’acronimo di VLT, mentre altre volte si utilizza la parola completa videolottery. Ebbene, si tratta di slot machine particolarmente all’avanguardia, che ricordano molto quelle presenti nei bar. Attualmente è possibile giocare gratis online alle vlt, in modo tale che i giocatori abbiano la possibilità di fare pratica in totale comodità, rimanendo seduti sul divano di casa, oppure giocando anche tramite i dispositivi mobili, come smartphone e tablet.

Videolottery e la connessione ad un sistema centrale

Una delle principali caratteristiche delle videolottery di ultima generazione è senz’altro quella di non avere alcun tipo di scheda con i giochi. Infatti, presentano una connessione diretta a un sistema centrale che è collegato, a sua volta, ad un sistema di gestione nazionale. È compito del server centrale provvedere allo sviluppo della combinazione vincente: da questo server, poi, verrà diffusa ad ogni videolottery. Nella maggior parte dei casi, ogni macchinetta presenta al suo interno più di una decina di giochi differenti, a discrezione del gestore del locale.

I macchinari di nuova generazione si caratterizzano per poter garantire una grafica moderna e molto intuitiva: inoltre, gli utenti hanno la possibilità di giocare in via digitale, tramite degli schermi touch. Inoltre, la gamma di giochi disponibile è stata notevolmente ampliata. Un ulteriore aspetto degno di importanza è sicuramente quello per cui i vari giochi sono oggetto di un aggiornamento piuttosto frequente, dal momento che non c’è più la necessità di eseguire degli interventi diretti sul macchinario, così come non serve sostituire questi ultimi.

Le scommesse e come funzionano le vincite

Le puntate minime iniziano da 50 centesimi e possono arrivare a toccare fino i 10 euro. La vincita massima, invece, tocca una soglia pari a 5000 euro. Inoltre, sempre a discrezione del gestore, c’è la possibilità di ottenere l’acceso pure al jackpot di sala, che si può spingere fino a 100 mila euro, mentre quello nazionale tocca i 500 mila euro. Tutti coloro che hanno meno di 18 anni non possono giocare alle videolottery.

Inoltre, le vincite si possono ritirare in una forma specifica, ovvero quella di ticket, che potranno poi essere riscossi direttamente dal gestore del locale. Si potranno seguire le proprie preferenze, ma fino ad un certo punto: infatti, fino alla soglia di 2999 euro, l’utente che ha vinto ha la facoltà di richiedere il pagamento della somma in contanti. Una volta che tale ammontare viene superato ecco che questo discorso non si potrà più fare, ma si dovrà puntare a riscuotere la vincita tramite un assegno piuttosto che con un bonifico bancario, in maniera tale che venga tenuta traccia dell’operazione.

Payout e controlli

Stando a quanto viene previsto dalla legge italiana, le VLT devono garantire la restituzione, sotto forma di vincite, di qualcosa come l’85% delle cifre che vengono puntate dagli utenti. Non solamente nei giochi singoli, ma anche nel computo complessivo. L’osservanza di questa regola è garantita dalla presenza di uno specifico algoritmo. Interessante notare anche come il macchinario venga verificato dopo che le puntate abbiano superato una quota pari a 5 milioni di euro, oppure ogni sei mesi.