Quanto costa vivere alle canarie e agevolazioni fiscali

Stanchi della routine e dei sacrifici? Pronti per un cambiamento totale della vita? Allora un trasferimento alle Canarie potrebbe essere la soluzione migliore.

Vediamo insieme come funziona la vita in questo angolo di paradiso, quanto costa vivere lì e che tipo di agevolazioni fiscali ci sono.

Perché scegliere le Canarie

Sicuramente all’occhio risaltano fattori ambientali indiscutibili: mare cristallino, paesaggi mozzafiato, bellezza di tutti i luoghi, clima favorevole e in aggiunta, un regime fiscale che, rispetto al nostro, risulta veramente conveniente.

Ovvio che prima di fare un passo decisivo bisogna essere coscienti della scelta fatta perché comunque sia, sarà un paese totalmente diverso e nuovo, lingua diversa, abitudini e cultura che sconvolgeranno le proprie origini e radici.

Attenzione inoltre alle eventuali truffe che, si sa, sono sempre in agguato: non fidarsi di promesse troppo campate in aria che non solo potrebbero spillare soldi inutili, ma anche farvi trovare in qualche impiccio in un luogo sconosciuto e con una lingua che, seppure simile alla nostra, è comunque una lingua da imparare bene.

Le false promesse o l’illusione di trovare un lavoro in maniera facile, non vanno prese in considerazione così su due piedi, perché se da un lato è vero che il lavoro lì lo si può inventare più facilmente e non manca, è anche vero che il retro della medaglia è accertarsi che esista il lavoro eventualmente promesso.

I costi e le tasse alle Canarie

Le Canarie sono considerate un piccolo paradiso fiscale perché le aliquote delle tasse sono più basse.

Esempi pratici? L’aliquota IRPEF sembra che nell’anno 2016 sia del 19%, l’IRES del 25%. Ciò significa che ogni contribuente, alle Canarie, pagherà il 12% in meno di tasse.

Risultato?  Un grosso stimolo per una ripresa economica ed ecco che entra in gioco la possibilità di poter aprire un’impresa tutta propria o lasciarsi assumere come dipendente ottenendo agevolazioni fiscali non indifferenti.

Il costo della vita alle Canarie risulta così essere nettamente inferiore a tanti standard europei, soprattutto se si sceglie una zona non proprio turistica dove gli immobili avranno un costo inferiore.

Basti pensare, infatti, che allontanandosi anche solo di 50 km dalle zone più dense perché costiere, i fitti si abbassano addirittura della metà per le stesse tipologie di case o villette.

Il sistema sanitario, infine, è valido e operante e con una piccola assicurazione privata, dai costi fattibili, si potrà ampliare la copertura della seguridad social.

Vero paradiso oppure no?

Di certo tutto ciò che offrono le Canarie dà l’impressione di un vero e proprio paradiso, ma un angolo di inferno potrebbe nascondersi se non si sta attenti.

Per chi vorrebbe iniziare un’attività imprenditoriale, ad esempio, si consiglia di non correre con i progetti accettando proposte troppo avventatamente: l’ideale è organizzarsi per trascorrere almeno tre – quattro mesi sull’isola valutando ogni opzione anche in base a vere e proprie ricerche da effettuare personalmente sul posto.

Che tipo di attività vorreste intraprendere? Con le idee chiare potrete chiedere, valutare, conoscere quel tipo di attività che tipo di disposizione averebbe in un luogo meraviglioso, ma al tempo stesso comunque sconosciuto.