Matrimonio a Roma: guida passo passo per organizzarlo

Saranno stati film come Vacanze romane o To Rome With love o semplicemente il fatto che sia la città eterna che vanta secoli di storia, fatto sta che Roma è da sempre una delle città più ambite al mondo dove sposarsi. I suoi magnifici scenari panoramici che mischiano arte e religiosità, sacro e profano la rendono perfetta per il giorno più bello della propria vita. Ecco di seguito alcuni consigli da seguire per facilitare l’organizzazione del matrimonio perfetto a Roma dalla location, agli inviti, dalla chiesa alla bomboniera, insomma tutto ciò che può interessare le nuove coppie.

Va comunque detto che per la buona riuscita di un evento, ovunque esso sia, può fare la differenza rivolgersi a specialisti del settore wedding che sapranno facilitarti e consigliarti nelle scelte più difficili. Ce ne sono tanti per Roma come in qualsiasi altra città, ma tra i più recensiti c’è exclusivevent.it .

La Location:
Fondamentalmente una delle prime scelte da fare perché parliamoci chiaro sarà questo che i nostri invitati si ricorderanno oltre che al menu’. Una volta stabilito se si voglia intraprendere una cerimonia civile o spirituale, a Roma esistono tantissimi luoghi ognuno con atmosfere diverse, offrono panorami mozzafiato che potranno fare da cornice perfetta alle vostre foto.

Stupenda è Villa Piccolomini una villa che sorge accanto al gianicolo sullo sfondo della cupola di piazza San Pietro, dove romanticismo e storia si fondono insieme. Un accogliente giardino permette di accogliere un gran numero di persone e allestire tavoli all’aperto.

Un’ altrettanto bella location è Palazzo Naiadi. In pieno centro di Roma accanto a piazza della Repubblica, grazie alla sua posizione strategica regala una vista mozzafiato della città, apprezzabile dal terrazzo che vanta una lussuosissima piscina.

Giardini dell’Insugherata, vicino ponte Milvio, una delle zone più romantiche della città, questa location permette di poter festeggiare il proprio matrimonio immersi nel verde, senza muoversi dal centro cittadino. Sembra infatti un luogo estemporaneo e antico perché vanta secoli di storia. La struttura presenta oltre che una piscina, un laghetto dove verranno organizzati giochi d’acqua e zone boschive.

Per un matrimonio di tendenza potrebbe andar bene anche Casali Margherita, che si trova nel suggestivo parco di Veio. L’edificio vanta tante sale dalla un ampio salone, una seconda sala sopraelevata e appartata, una veranda romantica, il tutto contornato da uno stile rustico ma elegante.

Degno di nota è anche il Casale Santa Anastasia sulle colline dell’Agro romano, in località Divino Amore. Un luogo immerso nella natura che ha origini medievali, La bellezza di questo posto lo ha reso negli anni anche scenario di molte pellicole cinematografiche. Il servizio della tenuta da anche la possibilità di soggiornarvi.

Menu’ e catering:
Altro aspetto fondamenta per un matrimonio. La prima cosa da fare è capire se la location scelta disponga di un propio servizio catering, se così non fosse, non c’è da preccuparsi, perchè anche in questo Roma, offre un ampio ventaglio di scelte. Consultato il catering c’è la possibilità, in base ai propri gusti, d’improntare le portate su gusti di mare o su quelli di terra. Poter magari optare per entrambi con l’aggiunta di banchetti o tavoli tematici. Questi accorgimenti fanno la differenza. Soprattutto se si terrà conto anche degli invitati vegani.

L’abito:
Uno dei crucci che attanaglia di piu’ gli sposi, in particolar modo le spose. Con il tempo la scelta si è ampliata perchèsono tantissime le varianti di colori, di tessuti e accessori da abbinare, ricordandosi sempre che quel giorno oltre alla bellezza e all’eleganza sarà fondamentale la comodità.
La scelta dell’atelier puo’ avvenire tramite passaparola

Gli Inviti:
Rappresentano il biglietto da visita del matrimonio, quelo che preannuncio cio’che accadrà. Rivolgersi a un grafico puo’ aiutare anche i tableau marriage. I biglietti possono essere scritti anche a mano rivolgendosi ad un tipografo. La scelta della carta, del colore e dei nastri deve essere coerente.

Il tableau:
Oltre che per scopi pratici, i Tableau devono essere anche belli. Ne esistono tantissimi dalla scelta del separè, a quella dei macaron, passando per le spezie, le erbe aromatiche, i tag circondati da muschi e fiori, cornicette barocce o ancora dischi di vinile. Insomma c’è l’imbarazzo della scelta e se si è capaci lo si puo’ fare anche da solo.

Addobbi floreali:
Molta dell’atmosfera la fanno loro. Pertendo dal bouquet che la suocera deve regalare alla sposa tendendo d’occhio la struttura dell’abito perchè nulla strida. Va detto che in nome di un matrimonio ecologico e piu’ green andrebbero pensati addobbi con fiori di stagione, in modo anche da poter risparmiare qualcosina.

In chiesa le zone principali d’allestire sono l’altare, l’ingresso della chiesa e tutta la navata, non dimenticare che in questo frangente devono essere i più pribri possibili. Durante il rito civile, qualora si scegliesse questo va ricordato che il municipio mette a disposizione un addobbo floreale standard che si adatterà per momenti di tempistica a tutte le coppie.

L’ingrediente segreto ovunque vogliate organizzare il vostro matrimonio è fare ciò che più si desidera senza pensare agli altri se non il vostro partner, perché questo sarà il giorno che ricorderete per sempre.